massacarrara
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Marina di Carrara

Venerdì al planetario: "Quanto è distante quella stella?"

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Venerdì 29 novembre, alle ore 21.15 ci sarà il consueto appuntamento pubblico settimanale presso il planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara. Il tema della serata partirà stavolta da una domanda solo apparentemente banale: “Quanto è distante quella stella?”.  Già, a pensarci bene, come fanno gli astronomi a dirci che quell’asteroide è distante 15 miliardi di km dalla Terra? Che la tal stella è lontana 100 anni luce dal Sole, che la galassia di Andromeda dista 2,5 milioni di anni luce dal centro della nostra Galassia, e cosa è un anno luce e così via? Niente trucchi o cifre sparate così a caso tanto perché in astronomia più le cifre son grandi più fan “colpo” sul pubblico (non si dice, infatti, "cifra astronomica", quando vogliamo indicare un cifra che non riusciamo nemmeno ad immaginare?). In realtà, a partire da osservazioni già all’epoca dell’antica Grecia, applicando un po’ di sana geometria e matematica, utilizzando qualche legge scoperta nei secoli sulla natura dei pianeti o delle stelle, siamo in grado, da tempo, di misurare queste distanze “sovraumane”. Il come, sarà spiegato nella prima parte dell’incontro; dopo di che si passerà alla simulazione, sotto la cupola del planetario, dei movimenti del cielo e le principali costellazioni visibili in questo periodo. Per concludere, qualora le condizioni meteo (così "anti-astronomiche" in questo periodo...) lo permettano, con uno spazio finale dedicato all'osservazione diretta all'aperto (grazie anche a telescopi) dei principali oggetti visibili nel cielo in questo periodo. Data la capienza limitata dei locali, si suggerisce la segnalazione della propria partecipazione, via sms, whatsapp o telefonata (333/1731533), o tramite l’indirizzo mail [email protected]

 

 

Nella foto: giovane assistente dell’Osservatorio di Harvard (USA) al quale si deve, nel 1912, la scoperta di una legge che permise di calcolare le prime distanze di galassie.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]
Quotidiano Apuano - vecchio sito