massacarrara
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).

Il miracolo del giovane calciatore apuano Nicola Pasquini

Dopo un attacco di cuore in campo, è sulla via della guarigione
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia
Fivizzano- L'amore conta, l'amore vince, sempre. Quella che vi stiamo per raccontare è una storia vera, dove l'amore ha avuto un ruolo fondamentale, è la storia di Nicola Pasquini. E' il 3 aprile 2011: allo stadio comunale di Montagnoso si gioca Cinquale-Monzone.

Sul cronometro scorre il minuto venticinque quando il giovane numero 10 ospite si accascia al suolo: sono minuti interminabili, il tempo sembra essersi fermato, l'attesa dei soccorsi è febbrile. La disperazione dei compagni, l'ansia del pubblico presente, tutti hanno il cuore in gola per ciò che è appena accaduto sul rettangolo verde. I giorni successivi sono contrassegnati da lunghe, lunghissime attese, dagli interrogativi che affollano la mente dei genitori, dei parenti, degli amici, ma è proprio in questo cielo denso di nubi che fa capolino un raggio di sole caldo, è il calore umano dell'amore. Il 19 aprile si registra il primo colloquio positivo, un colloquio che dà speranza e fiducia alla famiglia Pasquini e in particolar modo a due straordinari genitori: Paolo e Laura, che insieme a Luca, il fratello, si stringono in un abbraccio forte intorno a Nicola. Dopo circa un mese nel reparto di rianimazione a Massa, Nicola viene trasferito a Fontanellato (PR): è il 2 maggio. Ventiquattro ore dopo, il viso del giovane calciatore è bagnato da una lacrima, il giorno successivo Nicola torna a parlare, due settimane dopo tornerà a camminare. Il 26 maggio è il giorno del ritorno nella sua terra, nel paese dei nonni: Monzone Alto. Enzo e Marta, Rino e Delma, gli zii Simona e Leo e tutti gli amici possono abbracciare nuovamente Nicola, un ragazzo d'oro, un ragazzo amatissimo, le cui prove, affrontate e superate con successo, danno un messaggio luminoso a tutte le persone che stanno affrontando momenti difficili. Anche quando la disperazione sembra poter prendere il sopravvento, anche quando sembra non esserci più alcuna possibilità, con l'amore si può continuare a nutrire la speranza, trovando il coraggio per scalare montagne che sembravano insormontabile, passando attraverso tempeste e burrasche che rischiavano di farci perdere la bussola della ragione. Infondo il cuore ha ragioni che la ragione non conosce. Bentornato Nicola e grazie per quello che ci hai insegnato.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]
Quotidiano Apuano - vecchio sito