massacarrara
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
La posta dei nostri lettori

"Sospesi volontari dell'Associazione Pubblica Assistenza di Carrara. I Volontari sono sempre benvenuti all'interno dell'associazione?"

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Nell'occhio del ciclone un gruppo di soci volontari dell'Ass. Pubblica Assistenza di Carrara, giovani che per oltre dieci anni hanno svolto con lealtà, dedizione e gratuità l'opera di Volontariato nella realtà locale in favore della Pubblica Assistenza,  prestandosi in prima linea in modo personale e  spontaneo, senza fini di lucro anche indiretto, spinti esclusivamente da fini di solidarietà. Ciò nonostante, pur avendo da sempre operato con dedizione e partecipazione in favore di un Istituto che dovrebbe svolgere  il grave e delicato compito di supportare prima linea l'operato dei soci volontari, promuovendone la crescita,  il consolidamento e la qualificazione, costituendo un esempio di lealtà , I Ns ragazzi di sono aimè  imbattuti nel tipico esempio di degenerazione politica di casa nostra......o di burocrazia all'italiana maniera , che dir si voglia! Lo scorso Dicembre 2012 gli stessi si sono rivolti congiuntante ai vertici dell'Associazione per chiedere chiarimenti sulla destinazione di alcuni fondi indicati nell'ultimo bilancio sociale 2011 e ciò tramite richiesta via raccomandata a.r. inviata a mezzo del proprio  legale. Ebbene, pur trattandosi di dati resi pubblici in sede di assemblea, e come tali liberamente accessibili da parte di tutti i soci volontari, I vertici dell'Associazione  non davano alcun  cenno di riscontro. La doccia fredda è arrivata lo scorso 11 Febbraio, quando – increduli e sconcertati (!) -  ciascuno dei richiedenti  è stato raggiunto dal medesimo provvedimento di  sospensione dallo status di volontario, cui è conseguito  il divieto assoluto di  partecipare a qualsiasi attività associativa, oltre al divieto ad accedere all’interno delle  strutture e pertinenze dell'Associazione, profilando perfino l'ipotesi del delitto di violazione di domicilio.....(!!!)  e ciò in forza di comportamento “...scorretto, denigratorio e molto lesivo tenuto nei confronti dell'associazione e dei suoi organi...” Ora, tralasciando giudizi e commenti impietosi sulla forma, quel che lascia di stucco è la sostanza  della comunicazione... Ebbene si, in modo più o meno celato emerge tra le righe  l'ennesima  e palese prova di deliberato nepotismo, di mala gestio diffusa della classe dirigente del Ns Paese ( o quanto meno di coloro che dovrebbero farne parte...), ove regna incontrastato il qualunquismo del potere politico  , ove la voce di qualunque interlocutore  esca dal coro delle masse è etichettata come “sovversiva” e come tale debba essere allontanata e punita....perfino la voce di giovani di belle speranze che da anni  mettono a disposizione della Comunità locale il proprio entusiasmo, la propria preparazione, il proprio tempo.... Ed è davvero inaccettabile  che senza addurre alcuna motivazione nè alcun episodio concreto I vertici dell'Associazione possano giocare al bello e cattivo tempo con la libertà e la caparbietà di questi giovani, semplicemente avvalendosi dell'esercizio esasperato di un potere di cui, aimè, risultano depositari. Dato atto di quanto premesso,  sorge allora un unico e delicato interrogativo...: se il valore sociale ed il  senso civico dimostrato dai Ns ragazzi in questi anni in favore dell'Associazione non possa validamente rappresentare la figura di  “volontario”    qual è dunque il “Volontario tipo” richiesto dalla stessa Associazione? Concludo con le parole del grande giornalista Massimo Gramellini: “..L’idea che per cambiare la politica basti cambiare i politici è una pia illusione che si rinnova a ogni campagna elettorale. Bisogna cambiare le regole: di funzionamento e di rappresentanza. La democrazia non è burocrazia e nemmeno una delega al santone di turno. È partecipazione alla vita della propria comunità. Si può ripartire solo da lì. Prima che i cittadini esasperati imbocchino la solita scorciatoia del dispotismo”.

A Voi il giudizio.

Lettera Firmata

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazionemassacarrara[email protected]
Quotidiano Apuano - vecchio sito