massacarrara
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Vino, dazi Usa: l'allarme di Fedagri Confcooperative Toscana

"Interventi urgenti o sarà una catastrofe”

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Firenze 14 gennaio 2010 - “Ancora poco tempo per scongiurare il pericolo rappresentato dai  dazi Usa. Se davvero salissero al 100% come paventato, per il settore del vino toscano sarebbe una catastrofe”. Non usa mezzi termini  Ritano Baragli vicepresidente di Fedagri Confcooperative Toscana al termine della riunione di ieri a Roma nella sede della Alleanza Cooperative del settore vitivinicolo. Si è parlato dei dazi Usa, soprattutto, e dei problemi che potrebbero causare alle imprese:  “Siamo tutti uniti nella richiesta di interventi urgenti e risolutivi, abbiamo raccolto la disponibilità del ministro Di Maio, ma serve essere incisivi a livello europeo altrimenti il futuro sarà tutt’altro che positivo. Siamo ancora con il fiato sospeso”.

 

Si parla di un mercato, quello statunitense, che rappresenta da ormai 5 anni il primo paese per esportazioni. Dal  2014 ad oggi le esportazioni di vino sono cresciute del 30%, il mercato degli spumanti addirittura del 70%. “Numeri che per le aziende significano tanto, che hanno generato investimenti e progetti di promozione. Ora ci troviamo nell’incertezza - prosegue Baragli - Siamo fortemente preoccupati perché nella guerra dei dazi che sta partendo tra Usa e Ue a perdere saranno i piccoli produttori, come le realtà cooperative, i lavoratori e i consumatori statunitensi. Ci auguriamo che ci siano soluzioni o alternative più soft, perché altrimenti i dazi sarebbero per noi letali”.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]
Quotidiano Apuano - vecchio sito