massacarrara
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).

Massa e l'arte. Intervista alla pittrice Mafalda Pegollo

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

QuotidianoApuano-ilsitodimassacarrara ha incontrato Mafalda Pegollo, pittrice massese dallo stile onirico e originale, reduce da una mostra allestita presso le stanze comunali. Scopriamola insieme.

 

-Nella carriera di ogni artista c’è sempre un momento in cui l’idea di creare smette di essere soltanto un desiderio, un sogno,  un'astrazione, per concretizzarsi. Il suo qual è stato?

-Dipingere e' stata sempre la mia passione, lo facevo fin da piccola e amavo giocare con colori e pennelli. In adolescenza avevo dipinto quadri per mia mamma, con lei che mi diceva cosa le piaceva e io glielo facevo. Per me e' sempre stato puro e semplice divertimento. Poi, presa dal lavoro, dai figli, dalla famiglia, non avevo più avuto modo di farlo. Assorbivano totalmente il mio tempo, ma continuavo ad avere la voglia di farlo. Poi, ho avuto molti cambiamenti. La vita, la nostra vita, e' piena di mistero; all'improvviso si mostra con qualche sorpresa inaspettata, ribalta le situazioni, porta cambiamenti repentini che fino all'attimo prima non ti saresti mai aspettato. Le cose che capitano spesso sono inimmaginabili e anche il tuo cervello è imprevedibile, spesso reagisce in maniera sorprendente, e sorprende pure te...spesso ti conduce a fare ciò che in realtà nemmeno tu vorresti fare. Allora cos'e' che guida la nostra mente ? Le nostre azioni? Cos'e' che guida la nostra vita e conduce il mondo? Io, dopo già molti duri eventi, decisi di farmi trasportare dal vento, ma ecco un nuovo forte impatto, atroce, che mi ha straziato l'anima, il cuore, il cervello. Era forse il mio vento che soffiava troppo forte? Probabilmente soffiava troppo forte, senza lasciarmi lo spazio di reagire in qualche maniera alle avversità, ma non potevo soccombere e non potevo buttarle al vento le ultime, misere, fioche energie, no ! Così, spinta da stati d'animo convulsi, mi e' venuta una sferzata di energia. Ho sentito una specie di riscossa, ho preso i pennelli ed è venuto fuori questo. Ho sentito un' incredibile forza interiore che usciva. Sento molta energia e amore, così ho dipinto fiori piegati dal vento. Sembra si spezzino, dietro la loro apparente fragilità, ma nascondono una forza straordinaria. Il vento, infatti, non riesce mai nel suo intento; si piegano soltanto al suo passaggio, facendo finta di temerlo, ma si rialzano sempre e si innalzano in tutta la loro bellezza, colore, profumo. Poi ho dipinto cuori, cuori che venivano portati via dal vento, il mio cuore, quello dei miei figli, cuori come acquiloni, perchè come gli acquiloni sono i figli. Come gli aquiloni passi la vita a cercare di farli alzare da terra, corri e corri con loro fino a restare senza fiato, e tu rappezzi e conforti, aggiusti e insegni, dai consigli, fornisci loro un bagaglio che servirà nella vita, un bagaglio soprattutto pieno d'amore, poi li vedi sollevarsi nel vento e li rassicuri che presto impareranno a volare. Infine, sono in aria: gli ci vuole più spago e tu seguiti a darne, si, seguiti a dar loro sicurezza, consigli e amore, e ad ogni metro di corda che sfugge dalla tua mano, il cuore ti si riempie di gioia e di tristezza insieme. Giorno dopo giorno, l'aquilone si allontana sempre di più e tu senti che non passerà molto tempo che quella bella creatura spezzi il filo che vi unisce e si innalzi, come è giusto che sia, e ormai libera e sicura di se', dovrà continuare a volare da sola e cercare di restare sempre in alto, di non cadere mai a terra. Dovrà, con le sue forze, cogliere sempre il vento a favore. Allora soltanto saprai di avere assolto il tuo compito-

 

-Mafalda Pegollo pittrice ha un genere o un artista di riferimento, oppure si muove a “briglia sciolta”?

-Non ho alcun artista di riferimento ma uno stile mio. La tecnica soprattutto non credo sia mai stata impiegata da altri. E' solo mia-

 

-Dopo la mostra in Comune, sta pensando ad esposizioni future? Ha già qualche progetto a riguardo?

-Si, e' gia' stata fissata la prossima mostra che sarà dal 9 al 17 dicembre al Palazzo Rosso, poi una a Napoli, La Spezia e Pietrasanta-

 

-Massa e l’Arte: un binomio per molti non facile. Lei come la pensa?

-Massa anticamente era un centro culturale frequentato da personaggi illustri che vi hanno anche vissuto come Dante, ospitato dai Malaspina, Pascoli, Staffetti. Non a caso, uno dei primi Licei classici di Italia, il nostro Pellegrino Rossi, è nato qua, fondato nel 1861, e da esso sono usciti studenti che si sono poi distinti nelle loro professioni. Sempre nell'800, e' stato edificato il teatro Gugliemi, tutto questo a testimoniare come Massa fosse citta' di cultura. Poi, col tempo, tutto e' cambiato, ma io non credo per colpa degli abitanti massesi, bensì della politica locale che in questi anni ha dato sempre precedenza e mostrato interesse in attività non culturali. Abbiamo edifici come Palazzo Rosso, Castello Malaspina, villa della Rinchiostra, Palazzo Bourdillon, per non dire Villa Massoni ed il suo parco, ma ai massesi in questi anni non è stata data la possibilità di praticare, di seguire la cultura. Se venisse loro offerta una buona stagione teatrale, con il coinvolgimento di veri artisti nel campo della musica, della pittura, della scultura, della danza e del teatro, credo che sarebbero numerosi i concittadini pronti ad aderire e ad esserne felici e fieri, ma, ahimè, qua non sappiamo organizzare nulla oppure festicciole su palchetti da strapazzo. Ci credo che poi i massesi non si occupino di arte!-

 

-Quali consigli si sentirebbe di dare a chi desideri intraprendere un percorso nella pittura?

-Non credo si possa dare consigli ad alcun pittore, perchè ognuno deve manifestare l'arte come vuole, come sente. Arte è espressione di se' stessi, di sentimenti, e le opere devono essere capaci di suscitarli negli altri, in chi le ammira e le apprezza-

 

Nell'immagine, un quadro di Mafalda Pegollo dal titolo "Cuori al vento"

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]
Quotidiano Apuano - vecchio sito