massacarrara
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Marina di Carrara

Venerdì al Planetario per scoprire le origini della teoria del Big Bang

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

L’incontro settimanale di questo venerdì 13 settembre, alle ore 21,15, presso il planetario comunale "A. Masani" di via Bassagrande 47 a Marina di Carrara, partirà dal tema: “L’origine del Big Bang: il padre Lemaitre”. L’idea che tutto l’Universo si sia formato a partire da una realtà piccolissima (oggigiorno ipotizziamo più piccola di un protone) che si è espansa nel corso del tempo a partire da una data stimata (sempre oggigiorno) in 13,75 miliardi di anni fa, è attribuita (dal punto di vista teorico) a George Gamow fra la fine degli anni ’30 e l’inizio degli anni ’40 del secolo scorso. Come tutte le ipotesi o scoperte scientifiche, non è frutto di un uomo solo ma costituisce il risultato finale delle ricerche precedenti di molti altri scienziati. In particolare, su questo tema, ebbero un ruolo decisivo due lavori indipendenti pubblicati negli anni ’20 da Friedmann e Lemaitre. In particolare stasera saran presentate le loro ricerche indipendenti, e ricostruito il procedimento teorico ed osservativo che li ha portati a formulare le loro ipotesi. Georges Lemaître, in particolare, fu un sacerdote e fisico belga, alla cui celebrità nocque forse il fatto di aver scritto il suo articolo fondamentale (del 1927) su quello che sarebbe stato poi chiamato il Big Bang, in francese ed in una rivista scientifica belga poco diffusa nel mondo. La sua stessa figura di sacerdote attirò inizialmente l’opposizione preconcetta di molti studiosi: ad esempio degli scienziati dell’Unione Sovietica, che ci videro una riesumazione della "creazione divina" dell'Universo. La teoria di una origine ben determinata dell'Universo sembrava “risuscitare” infatti un singolo atto "creativo" all’origine del Tutto, mentre la contemporanea teoria dello Stato Stazionario appariva "più laica" prevedendo un Universo senza origine, esistente da sempre e per sempre.

 

L'appuntamento al planetario si articola, come consueto, in tre parti. Dopo lo svolgimento del "tema" della serata, si avrà poi una simulazione, sotto la cupola del planetario, dei movimenti del cielo e delle principali costellazioni visibili in questo periodo; con, qualora le condizioni meteo lo permettano, uno spazio finale dedicato all'osservazione diretta all'aperto (grazie anche a telescopi) dei principali oggetti astronomici visibili nel cielo in questo periodo (fra cui Luna,  Giove e  Saturno). Data la capienza limitata dei locali, si suggerisce la segnalazione della propria partecipazione, via sms, telefono o whatsapp al 333/1731533, o tramite l’indirizzo [email protected]

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]
Quotidiano Apuano - vecchio sito