massacarrara
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Massa

Rischio “derivato”

“MPS il derivato all’ultima provincia dell’impero: Massa”
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Lo scandalo che sta attualmente investendo il MPS rischia di aprire una forte polemica anche a Massa. Centro del dibattito i "derivato" che MPS voleva proporre all'amministrazione Neri. A tal proposito, abbiamo intervistato Francesco Sinatti, che si era espresso in modo critico sin dall'inizio di questa vicenda.

"Il MPS ha rischiato di essere “nazionalizzato” (quindi ricomprato dallo Stato), se non fosse stato per una robusta iniezione di Monti Bond, 3,9 miliardi di €, che ha permesso alla banca di poter continuare a svolgere la propria attività d’intermediazione del credito".

 Bene spieghiamo nello specifico cosa stava accadendo a Massa

 “Si da il caso che, lo stesso MPS, propose, nel settembre 2007, al Comune di Massa la sottoscrizione di un operazione di “finanza derivata” targata: Ati MPS - banca Toscana, con la quale si dava al comune di Massa la possibilità di ristrutturare 88 ml/€ su 110 (totale del debito) raccogliendo in unica posizione ben 232 mutui, sottoscritti con diversi soggetti negli ultimi 30 anni. Nessuno ricorda, oggi, che la giunta Neri stava per sottoscrivere il “derivato” in quei giorni, che avrebbe permesso di fare un maquillage al proprio bilancio scommettendo su 88 ml € di debiti contratti dal Comune e garantiti dalle tasse dei cittadini. Solo grazie all’intervento del sottoscritto, e al pressing di alcuni consiglieri di A.N., si riuscì ad evitare che la giunta sottoscrivesse un operazione in derivati che avrebbe rischiato di far saltare il, già, precario equilibrio dei conti del Comune di Massa per almeno una ventina d’anni. Esattamente quanto avvenuto nei Comuni che allora sottoscrissero: Carrara & Fivizzano.”

 E cosa accadde?

 “Ricordo che furono ristrutturati 54 ml/€ (su 88) ad un tasso Euribor fra i più alti degli ultimi 20 anni, innalzando, comunque il costo di manutenzione del debito grazie ad un Tasso di sottoscrizione che avrebbe potuto essere, significativamente, più basso se si fosse aspettato solo qualche mese. Vien da dire, perciò:“Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino”, noto proverbio che si attaglia perfettamente alla vicenda del MPS che, da qualche mese, si trova impelagato in una bufera che lo vede uscire malconcio, insieme alla sua Fondazione, in qualità di sottoscrittore di derivati finanziari targati: Deutsche Bank e Nomura”.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]
Quotidiano Apuano - vecchio sito