massacarrara
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Tappini Calcio

Intervista al leggendario Marco Peselli

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Marco Peselli è considerato uno dei giocatori più forti della storia di Tappini, un vero Pelé di questo sport. Quando scendeva in campo non potevi far altro che sperare di non fare bieche figure perché le sue sconfitte si contano davvero su una mano. In quasi dieci anni di militanza sono davvero poche le partite perse dal giocatore. Nell'ultimo torneo disputato gli fu fatale solo la finale in un campionato in cui riuscì a subire solo due reti. Oggi è arbitro occasionale ma spettatore affezionato, difficilmente manca ad una partita e le segue sempre con interesse e passione non disdegnando consigli a tutti. E' un giocatore diventato famoso non solo per le vittorie ma anche per la sportività. Famoso il rigore dubbio, in suo favore, calciato fuori volontariamente nella finale che assegnava al titolo poi perso contro Famà. Per lui si vince in campo non per errore arbitrale. Per lui tre titoli (e mezzo) vinti con Juventus (due) ed Anam's (uno) ed uno mai assegnato (il torneo (2006) fu interrotto e mai più ripreso quando mancavano tre partite alla fine con un solo punto da conquistare per la vittoria). Passiamo ora la parola a Marco Peselli.

 

-Questo sarà il secondo campionato al quale non parteciperai. Nessun rimpianto?

-Il rimpianto c'è e ci sarà sempre perchè il "tappo" è passione e quando una persona lo prova non si può che innamorare sia del gioco che dell'atmosfera che crea intorno a lui.

 

-Sei considerato il giocatore più forte di tutti i tempi seppur sia Biagi a detenere il record di campionati vinti. Pensi che ci sia qualcuno in grado di prendere il tuo posto?

-Mi fa molto piacere di questa considerazione, ne sono orgoglioso perchè vuol dire che con il mio gioco ho ottenuto quello che volevo, Biagi si merita il primato ma poteva essere un parimerito ma per un campionato non terminato (il più numeroso per partecipanti) purtroppo non fu assegnato il titolo. per quanto riguarda prendere il mio posto, non so, ho sempre avuto una mia idea, chi vuole vincere non deve pensare di diventare come "me" o imitare un altro ma convincersi delle sue abilità giocando il suo stile e i risultati verranno, di conseguenza chiunque può diventare il migliore.

 

-Facci un pronostico. Chi pensi vincerà il campionato?

-Eh..il mio pronostico. Io, da quando ho iniziato questa "storia", ho sempre pensato un solo nome sopra gli altri ed è quello di Biagi. Ha un gioco che è similare al mio, purtroppo però ha dei punti deboli che non dirò, ma se gioca concentrato può battere chiunque, il secondo nome è quello di Armando, ha uno bello stile pure lui ma diverso da Andrea, le sue partite sono sempre avvincenti e di impatto ma meno preciso, loro 2 se giocano come sanno sono un gradino sopra gli altri

 

-Luca Pasquini è stato il primo della nuova era di giocatori a vincere un titolo. Pensi che i valori stiano cambiando?

 

-A Luca vanno i miei complimenti, dal campionato scorso alla coppa ha fatto un grande passo in avanti, in ogni sua partita lo vedo sempre più concentrato e senza dubbio nella coppa è stato il migliore, purtroppo per lui confermarsi è dura ma glielo auguro visto i progressi fatti. I valori non credo siano cambiati, penso solo che si siano equilibrati.

 

-Ultima domanda, schietta: ensi che ti rivedremo mai in campo?

-Questa è "la" domanda, non saprei dire con precisione, ci sono molte cose da valutare, la voglia c'è ma a volte non basta, per un campionato per ora la vedo dura, ma magari per qualche partita amichevole o per un torneo particolare potrebbe essere. Spero di non aver perso il "tocco".

 

Nella foto: Marco Peselli durante una partita

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]
Quotidiano Apuano - vecchio sito