massacarrara
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Marina di Carrara

Venerdì al Planetario si parla di Saturno

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - ilsitodiFirenze.it

Questo venerdì 18 maggio la serata al planetario comunale "A. Masani" di Marina di Carrara (ore 21,15) partirà dal tema "Saturno dopo la Cassini". Cosa sia il pianeta Saturno tutti lo sappiamo: il secondo pianeta, per dimensioni, e forse il più bello del Sistema Solare per via dei suoi magnifici anelli formati da ghiaccio e polvere. Un po' meno noto è il nome di Cassini. Questo è il nome di una sonda della NASA (che a sua volta prendeva nome dall'astronomo italo-francese Gian Domenico Cassini, che aveva studiato il suo sistema di anelli, osservando la prima "linea scura" fra gli anelli stessi, chiamata tuttora "divisione di Cassini"). La sonda americana è stata operativa dal 1997 al 2017 ed ha contribuito a numerose scoperte, in particolare su Saturno e le sue lune, attorno alle quali ha girato per 13 anni dal 2004 fino a finire, volutamente, la sua missione gettandosi nell'atmosfera di Saturno per studiare anche la parte superiore dell'immenso strato di nubi che copre Saturno (e tutti gli altri pianeti gassosi). L'incontro sarò quindi una occasione per un "aggiornamento" delle conoscenze attuali del pianeta e delle sue 63 lune attualmente note e confermate. Terminata la parte teorica si passerà alla simulazione, sotto la cupola del planetario, dei movimenti del cielo e le principali costellazioni visibili in questo periodo. Per finire, meteo permettendo, con uno spazio finale dedicato all'osservazione diretta all'aperto (grazie anche a telescopi) dei principali oggetti astronomici visibili nel cielo in questo periodo (fra cui Luna, Venere e Giove). Data la capienza limitata dei locali, si suggerisce la segnalazione della propria partecipazione, via sms o telefonata (333/1731533), o tramite l’indirizzo planetario@comune.carrara.ms.it

 

Nell’immagine: una delle migliaia di immagini inviate a Terra dalla sonda Cassini: in questo caso un particolare della sua luna Giapeto. Si vede una lunghissima cordigliera di montagne, formate in realtà dalla polvere di un anello fino ad allora sconosciuto, entro il quale si muove lo stesso Giapeto, raccogliendo le polveri di questo anello e che han formato tale cintura di montagne che arriva a superare in certi punti i 10 km di altezza.

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazionemassacarrara@ilsitodimassacarrara.it
Quotidiano Apuano - vecchio sito